Connect with us

Ciao, cosa stai cercando?

Approfondimenti

Albicocche: proprietà e benefici

Albicocche, proprietà e benefici di questo delizioso frutto di giugno. Presente in Italia già dai tempi dei romani resta uno dei frutti più apprezzati dell’estate. La Romagna è una terra di grande produzione, ma non vanno dimenticate Basilicata e Campania e in altre Regioni.

Il frutto è solitamente giallo o arancione, talvolta con qualche sfumatura di rosso. Circondata da una peluria sottilissima, l’albicocca è un must sulle nostre tavole nei mesi più caldi dell’anno. 

Albicocche, proprietà e benefici

Le albicocche contengono tanto potassio, calcio, ferro e fosforo, vitamina A e Vitamina C. 

Secondo gli studi, le albicocche fanno bene al fegato e per chi soffre di problemi di anemia. Ma non solo, anche per chi soffre di stanchezza: sia per gli anziani, per chi è in convalescenza.

Fanno bene alla vista, hanno proprietà antiossidanti e proteggono la pelle grazie all’alto contenuto di fibre e di beta-carotene. Tra le tante proprietà fondamentali fanno bene al cuore, regolano il battito cardiaco. Combattono il colesterolo e le infiammazioni grazie alle loro proprietà.Albicocche, proprietà e benefici

Albicocche, proprietà e benefici

Calorie albicocca

48 calorie ogni 100 grammi. Questo il dato USDA inerente l’apporto calorico di questo frutto. L’albicocca è un frutto molto light e ideale come spuntino estivo. Conferisce quel senso di sazietà, ideale per chi vuole perdere peso.

Varietà 

Esistono diverse varietà di albicocche. In Italia se ne coltivano oltre 300 varietà, in gran parte del territorio. Crescono bene in aree soleggiate, in collina e con terreni adatti, anche in pianura.

Tra queste, menzioniamo: Baracca, Monaco, Reale di Imola, Precoce di Cremonini, Val Venosta, Boccuccia, Cafona e la Pesca di Nancy.

L’albicocca in cucina

L’albicocca è un frutto molto versatile, anche in cucina. Come non dimenticare le confetture, l’utilizzo nei dolci. In questi ultimi anni, si è diffuso il consumo di albicocche secche.

Di questo frutto non si butta niente, neanche il seme, detto armellina. Viene utilizzato come essenza, in pasticceria, come ingrediente negli amaretti. Oppure per realizzare sciroppi e liquori, o abbinato alle mandorle dolci come aroma. 

Potrebbe interessarti

Approfondimenti

Un caso esemplare, da cui poter mutuare modelli di business adeguati a sostenere l’esportazione dei prodotti dell’eccellenza italiana, nel quadro della coltivazione biologica: è...

News

Turismo e Agroalimentare come motore per il rilancio dell’economia nell’Italia post pandemia. È con questo scopo che UniCredit e l’Agenzia Nazionale del Turismo (Enit) hanno sottoscritto oggi un accordo finalizzato ad intraprendere...

Dalle Aziende

Un dono da condividere, un sogno da degustare, un nuovo modo per raccontare una mela In un giovedì come tanti altri, in questo periodo...

Dalle Aziende

La pesca 100% italiana si racconta con un semplice QR Code. È questa l’innovazione targata Valfrutta e realizzata attraverso un nuovo progetto di tracciabilità che, grazie all’uso del...